Il progetto

Il progetto Ecooperare

Dove va il vasetto dello yogurt? Quali rifiuti posso differenziare e quali no?
La prima guida all’ecologia quotidiana partecipata d’Italia risponde ai quesiti più comuni formulati dai soci Unicoop Firenze durante il percorso di “Ecooperare”, il progetto partito nel febbraio 2018, con i primi incontri con i soci, i referenti e i circoli territoriali di Legambiente.

Il percorso ha interessato 9 aree territoriali, divise tra le sette province della Toscana (Arezzo, Firenze, Lucca, Pisa, Pistoia, Prato e Siena) in cui opera la cooperativa, e tutte e 38 le sezioni soci Coop. In tutto 27 incontri a cui hanno partecipato 300 soci, per ascoltare la voce di ciascuno e scrivere insieme una guida con consigli concreti per incentivare buone pratiche ambientali nella vita di tutti i giorni, per migliorare l’oggi e guardare insieme al domani delle generazioni future. A condurre gli incontri nelle varie realtà territoriali, insieme ai coordinatori soci di Unicoop Firenze, anche Fausto Ferruzza, presidente regionale Legambiente Toscana, e Federico Gasperini direttore Comitato Regionale Legambiente Toscana.

Unicoop Firenze e Legambiente condividono un sistema di valori, ma soprattutto un’attenzione fortissima ai territori e alle comunità che li abitano e al protagonismo di queste comunità che questi territori li vivono” – ha commentato Enrico Fontana di Legambiente.

Successivamente, da marzo ad aprile, oltre 4000 toscani hanno esposto le loro considerazioni sull’ambiente e sui comportamenti più ecologici rispondendo ad un questionario sugli stili di vita realizzato dagli esperti scientifici di Legambiente e Unicoop Firenze. Lo scopo della compilazione del questionario era capire quali sono i temi ambientali che più interessano, per realizzare così una guida pratica e utile, perché frutto della partecipazione delle persone. Per primi hanno risposto al questionario gli stessi consiglieri e consigliere delle sezioni soci, che poi lo hanno distribuito ai soci, clienti, studenti delle scuole superiori, e all’interno della rete delle tante associazioni che collaborano alle varie iniziative con la cooperativa. Un parte dei questionari è stata somministrata on line. Insomma, è stato un percorso che ha coinvolto molte persone e più generazioni, perché l’ambiente è un tema che riguarda tutti.

Tra i temi ritenuti prioritari per la sostenibilità ambientale emersi dall’analisi del questionario quello dei rifiuti e della raccolta differenziata, dello spreco alimentare e idrico, della mobilità sostenibile.

Scopo della guida è la promozione della sostenibilità ambientale. Sostenibilità che deve diventare pratica, tangibile e facilmente applicabile, parte del nostro agire quotidiano. L’obiettivo comune è accrescere quella che viene definita “cultura ambientale”, ossia quell’insieme di comportamenti che dovrebbero avere i cittadini per rapportarsi in modo sostenibile con l’ecosistema, senza alterarne gli equilibri naturali.

Ma non finisce qui…

La guida rappresenta solo il primo tassello dell’accordo più ampio siglato fino al 2020 da Unicoop Firenze e Legambiente Toscana per promuovere progetti di partecipazione e diffondere maggiore consapevolezza sul tema della sostenibilità ambientale attraverso il contributo attivo e la rete di relazioni delle sezioni soci Coop e dei circoli territoriali di Legambiente.